GLI OSPITI DEL MIO GIARDINO

mercoledì 2 dicembre 2009

BIANCHINA

Io stongo 'e casa a 'o vico Paraviso
tengo tre stanze all'urdemo piano,
int' 'a stagione, maneche e 'ncammisa,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
mme metto for' 'a loggia a respirà.
Aiere ssera, quase a vintun'ora,
mentre facevo 'a solita fumata,
quanno mme sento areto nu rummore:
nu fuja-fuja... na specie 'e secutata...
Mm'avoto 'e scatto e faccio: "Chi va là?".

Appizzo ll'uocchio e veco 'a dint' 'o scuro
Bianchina, ferma 'nnanze a nu pertuso
'e chesta posta! Proprio sott' 'o muro.
Ma dato ch'era oscuro... era confuso,
non si vedeva la profondità.

St'appustamento ca faceva 'a gatta,
a ddì la verità, mme 'ncuriosette...
Penzaie:"Ccà nun mme pare buono 'o fatto:
e si Bianchina 'e puzo nce ne mette,
vuol dire qualche cosa nce adda stà".

E, comme infatti, nun m'ero sbagliato:
dentro al pertuso c'era un suricillo
cu ll'uocchie 'a fore... tutto spaventato,
...'o puveriello nun era tranquillo,
pensava: Nun m' 'a pozzo scapputtià.

Tutto a nu tratto 'o sorice parlaie
cu na parlata in italiano puro:
"Bianchina, ma perchè con me ce l'hai?
Smettila, via, non farmi più paura!".
Dicette 'a gatta: "I' nun mme movo 'a ccà!".

"Pietà, pietà, pietà! Che cosa ho fatto?".
E s'avutaie 'e botto 'a parte mia:
«Signore, per piacere, dica al suo gatto
che mi lasciasse in pace e così sia!".
"Va bene, va', Bianchì... lascelo stà!".

"Patrò, trasitevenne 'a parte 'e dinto,
che rispunnite a ffà mmiezzo a sti fatte?
Stu suricillo ca fa 'o lindo e pinto,
mme ll'aggia spiccià io ca songo 'a gatta,
si no ccà 'ncoppa che ce stongo a ffà?".

"Va bene, - rispunnette 'mbarazzato -
veditavella vuie sta questione,
però ccà 'ncoppa nun voglio scenate;
e ricordate ca songh'io 'o padrone
e si rispetta l'ospitalità".

"E inutile che staje dint' 'o pertuso,
-'a gatta lle dicette - chesta è 'a fine...
Si cride 'e te scanzà, povero illuso!
He fatto 'o cunto ma senza Bianchina...
Songo decisa e nun mme movo 'a ccà!".

"Pietà di me! Pietà, Bianchina bella!".
Chiagneva e 'mpietto lle tremava 'a voce,
cosa ca te faceva arriccià 'a pella.
Povero suricillo, miso 'ncroce
senza speranza 'e se pute salvà!

"Va buo', pe chesta vota, 'izela 'a mano,
cerca d' 'o fà fui stu suricillo,
chello ca staje facenno nun à umano,
te miette 'ncuollo a chi à cchiù piccerillo...
Embe, che songo chesti nnuvità?".

"'O munno è ghiuto sempe 'e sta manera:
'o pesce gruosso magna 'o piccerillo
(mme rispunnette 'a gatta aiere ssera).
Pur'io aggio perduto nu mucillo
mmocca a nu cane 'e presa; ch'aggia fà?".

"Ma cosa c'entro io con quel cagnaccio!
Anch'io ho una mammina che mi aspetta:
Gesù Bambino, più non ce la faccio!
Nella mia tana vo' tornare in fretta;
se non mi vede mamma mia morrà"»

'O suricillo già vedeva 'a morte
e accumminciaie a chiagnere a dirotto,
'o core lle sbatteva forte forte,
e p' 'a paura se facette sotto.
Mm'avoto e faccio 'a gatta: "Frusta llà!".

'A gatta se facette na resata,
dicette: "E se po' iate int' 'a cucina
e truvate 'o formaggio rusecato,
pecché po' v' 'a pigliate cu Bianchina?
Chisto è 'o duvere mio... chesto aggia fà!".

In fondo in fondo, 'a gatta raggiunava:
si mm' 'a tenevo in casa era p' 'o scopo;
dicimmo 'a verità, chi s' 'a pigliava
si me teneva 'a casa chiena 'e topi?
Chiaie 'e spalle e mme jette a cuccà!


Nella foto c'è Pallina mia...
il topolino è finto...
...ma che fa?

Poesia tratta da 'A LIVELLA di TOTO'

7 commenti:

  1. ciao Paola
    Leggere il napoletano è difficile anche per me che lo parlo!
    Grazie della bella poesia..non ci crederai ma non la conoscevo!
    A presto Lucia

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo neanch'io Paoletta.
    Conoscevo solo Pallina.
    Grazie di questa chicca...
    Baci

    RispondiElimina
  3. eheheheh
    Brava Pallina! credo che sia il caso di agigungere " quando si dice l'istinto " eheheheheh anche se è finto ci gioca lo stesso

    ^_____^

    RispondiElimina
  4. Ciao Paola, è molto piu' facile capire un dialetto attraverso il parlato che non lo scritto, si' il messaggio è arrivato, ma non comprendendo alcuni versi ... manca l'emozione ...
    Il mio gattino bianco che ora ha otto mesi, Pikko, è identico alla tua Pallina salvo un che di grigio sopra la testolina. Domani pubblico la sua foto. Ciao

    RispondiElimina
  5. ahaha, brava Paola, lai trovata! devo dire che, anche se sono napoletana mi viene difficilissimo leggere questa poesia. Il primo giorno che l`ho letta, lo dovo fare a rallentatore per potermela gustare :) spero che lhai capita tu : ) un abbraccio e a presto ciao.

    RispondiElimina
  6. ***Lucia, ciao...è davvero difficile! però è molto musicale e mi piace.
    A presto, baci

    ***Stella, mi hai fatto ridere!! conoscevi solo Pallina...bellina davvero. A parte tutto, Totò era un grande.
    Un bacio

    ***Pupottina, hai visto la mia Pallina con il topolino? e questo è niente: dovresti sentirla quando se lo porta in bocca per tutta la casa emettendo miagolii stranissimi, quasi gridati! è uno spettacolo.
    Baci

    ***Ro, certo si fa un po' fatica a leggere: ma rileggendola con calma si arriva anche all'emozione.
    Domani vengo a conoscere il tuo Pikko.
    Baci

    ***Rosa, certo che l'ho trovata... è su 'A LIVELLA, e in casa mia, dove tutti siamo patiti di Totò, questo libro non poteva mancare.
    Leggendola piano l'ho capita...rileggendola l'ho apprezzata.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. simpaticissima poesia,dunque anche questa opera del "Grande Principe?"mai sentita prima..grazie per averla postat,cara!!:-*

    RispondiElimina

Buona giornata a chiunque entri nel mio giardino:spero senta il profumo dei miei fiori e tragga gioia dalle poesie che posterò, la stessa gioia che ne traggo io leggendole e scegliendole....a tutti il benvenuto e sempre.... un sorriso...

Si è verificato un errore nel gadget