GLI OSPITI DEL MIO GIARDINO

sabato 19 dicembre 2009

TEMPO DI PRESEPE

Il mio presepe: le statuette in alabastro con cui mio padre faceva il nostro presepe...ed era slpendido!

venerdì 4 dicembre 2009

TORNA



Torna sovente e prendimi,
palpito amato, allora torna e prendimi,
che si ridesta viva la memoria

del corpo, e antiche brame trascorrono nel sangue,
allora che le labbra ricordano, e le carni,
e nelle mani un senso tattile si riaccende.

Torna sovente e prendimi,
la notte,
allora che le labbra ricordano, e le carni...


( Konstandinos Kavàfis )

mercoledì 2 dicembre 2009

BIANCHINA

Io stongo 'e casa a 'o vico Paraviso
tengo tre stanze all'urdemo piano,
int' 'a stagione, maneche e 'ncammisa,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
mme metto for' 'a loggia a respirà.
Aiere ssera, quase a vintun'ora,
mentre facevo 'a solita fumata,
quanno mme sento areto nu rummore:
nu fuja-fuja... na specie 'e secutata...
Mm'avoto 'e scatto e faccio: "Chi va là?".

Appizzo ll'uocchio e veco 'a dint' 'o scuro
Bianchina, ferma 'nnanze a nu pertuso
'e chesta posta! Proprio sott' 'o muro.
Ma dato ch'era oscuro... era confuso,
non si vedeva la profondità.

St'appustamento ca faceva 'a gatta,
a ddì la verità, mme 'ncuriosette...
Penzaie:"Ccà nun mme pare buono 'o fatto:
e si Bianchina 'e puzo nce ne mette,
vuol dire qualche cosa nce adda stà".

E, comme infatti, nun m'ero sbagliato:
dentro al pertuso c'era un suricillo
cu ll'uocchie 'a fore... tutto spaventato,
...'o puveriello nun era tranquillo,
pensava: Nun m' 'a pozzo scapputtià.

Tutto a nu tratto 'o sorice parlaie
cu na parlata in italiano puro:
"Bianchina, ma perchè con me ce l'hai?
Smettila, via, non farmi più paura!".
Dicette 'a gatta: "I' nun mme movo 'a ccà!".

"Pietà, pietà, pietà! Che cosa ho fatto?".
E s'avutaie 'e botto 'a parte mia:
«Signore, per piacere, dica al suo gatto
che mi lasciasse in pace e così sia!".
"Va bene, va', Bianchì... lascelo stà!".

"Patrò, trasitevenne 'a parte 'e dinto,
che rispunnite a ffà mmiezzo a sti fatte?
Stu suricillo ca fa 'o lindo e pinto,
mme ll'aggia spiccià io ca songo 'a gatta,
si no ccà 'ncoppa che ce stongo a ffà?".

"Va bene, - rispunnette 'mbarazzato -
veditavella vuie sta questione,
però ccà 'ncoppa nun voglio scenate;
e ricordate ca songh'io 'o padrone
e si rispetta l'ospitalità".

"E inutile che staje dint' 'o pertuso,
-'a gatta lle dicette - chesta è 'a fine...
Si cride 'e te scanzà, povero illuso!
He fatto 'o cunto ma senza Bianchina...
Songo decisa e nun mme movo 'a ccà!".

"Pietà di me! Pietà, Bianchina bella!".
Chiagneva e 'mpietto lle tremava 'a voce,
cosa ca te faceva arriccià 'a pella.
Povero suricillo, miso 'ncroce
senza speranza 'e se pute salvà!

"Va buo', pe chesta vota, 'izela 'a mano,
cerca d' 'o fà fui stu suricillo,
chello ca staje facenno nun à umano,
te miette 'ncuollo a chi à cchiù piccerillo...
Embe, che songo chesti nnuvità?".

"'O munno è ghiuto sempe 'e sta manera:
'o pesce gruosso magna 'o piccerillo
(mme rispunnette 'a gatta aiere ssera).
Pur'io aggio perduto nu mucillo
mmocca a nu cane 'e presa; ch'aggia fà?".

"Ma cosa c'entro io con quel cagnaccio!
Anch'io ho una mammina che mi aspetta:
Gesù Bambino, più non ce la faccio!
Nella mia tana vo' tornare in fretta;
se non mi vede mamma mia morrà"»

'O suricillo già vedeva 'a morte
e accumminciaie a chiagnere a dirotto,
'o core lle sbatteva forte forte,
e p' 'a paura se facette sotto.
Mm'avoto e faccio 'a gatta: "Frusta llà!".

'A gatta se facette na resata,
dicette: "E se po' iate int' 'a cucina
e truvate 'o formaggio rusecato,
pecché po' v' 'a pigliate cu Bianchina?
Chisto è 'o duvere mio... chesto aggia fà!".

In fondo in fondo, 'a gatta raggiunava:
si mm' 'a tenevo in casa era p' 'o scopo;
dicimmo 'a verità, chi s' 'a pigliava
si me teneva 'a casa chiena 'e topi?
Chiaie 'e spalle e mme jette a cuccà!


Nella foto c'è Pallina mia...
il topolino è finto...
...ma che fa?

Poesia tratta da 'A LIVELLA di TOTO'

martedì 1 dicembre 2009

L'OMBRA



La tua ombra è color della pioggia
dei miei rimpianti, del tempo che passa.
Sparisce e si cancella.
Ma invade tutto, la notte.


( da "La Bohème et mon coeur" di Francis Carco)

martedì 24 novembre 2009

"RICONOSCENZA DE GATTO"


Indove l'ho trovato? Su un muretto
vicino a l'inferiata d'un giardino,
nero nero, inciocchito, piccoletto
che pareva una palla di carbone.

Era tutto impaurito poveretto
come in cerca de quarche protezzione
e me guardava fisso co cert'occhi
come pe dimme: Bè, che faccio vengo?

Mo stamo sempre asseme a casa mia
pe cui se famo tanta compagnia.
E lui ogniggiorno pe riconoscenza,
nun lo farebbe no...
manco un cristiano,
me dà una leccatina su la mano.

(Alberto Arcioni)

martedì 10 novembre 2009

FA FREDDO MA....

....quando andiamo là, nella nostra casa di campagna, a me sembra sempre primavera. E poi, sia Venerdì che Sabato c'è stato il sole e, in giardino, qua e là, qualche fiore sboccia e resiste ancora per la mia gioia.
L'ibisco è ancora fiorito e il suo colore scarlatto spicca notevolmente.Sono spuntate tre nuove piantine di lantana: sicuramente da semi portati dal vento: una giallo- chiaro, una rosa e gialla e una terza giallo- arancio: la prossima estate saranno più grandi e piene di fiori!

I selvatici fiorellini bianchi che fanno capolino tra l'erba che la pioggia ha fatto rispuntare.




Il geranio rosso ancora fiorisce.




L' oxalis è più bello ora che in piena estate


E poi le rose, in una fioritura tardiva ma splendida.



E così mi "beo" tra le mie piantine ......









..e guardo il mio melograno: ne abbiamo quattro ma quello che più amo è il più vecchio, messo là da mio padre.
"L
'albero a cui tendevi la pargoletta mano..." come mi piaceva sentire la voce della mia maestra quando ci leggeva questa poesia di Carducci, bellissima, ma che mi riempiva il cuore di tristezza.


Poi c'è il nespolo in fiore: il nespolo piantato dal mio
nonno materno nel lontano 1969! il suo profumo pervade tutto il giardino...Ho incontrato Piccolorfanello che , devo riconoscere, dalla scorsa primavera, si è rimesso in carne: è perché mangia più regolarmente, ma, soprattutto, perché non siamo nella stagione degli amori. Poi ho trovato un animaletto mica troppo simpatico: una mantide religiosa...di lei si dicono cose orrende....sembra infatti che, dopo essersi accoppiata, talvolta anche durante l'atto, divora il maschio! Però a sua discolpa, bisogna dire che lo fa per il bisogno urgente di proteine nella rapida produzione di uova:infatti, se viene allevata, essendo ben nutrita, accade che"risparmia" il maschio. Questa era là, tranquilla e, molto malignamente, mi è venuto spontaneo pensare che magari stava digerendo il povero consorte!?!

Intanto la mia "bimba pelosetta" guarda il suo paparino mentre sta bruciando erba e rami ormai secchi: se ne sta tranquilla nel terrazzo e neppure si accorge del mio arrivo:
Neppure Saverio si accorge che lo "immortalo" mentre è alle prese con un bel falò: sta facendo pulizia nella parte del giardino che ancora deve essere sistemata...speriamo quest'anno di poterlo fare, con tutta la nostra pazienza e tanta buona volontà.

Ma siamo nel tempo in cui fa presto a venire il buio!! gli ultimi raggi e poi....

........si deve rincasare: e tutto si risolve nel solito tran-tran; si prepara la cena, si dà la pappa a Pallina e, dopo cena un po' di TV, tanto per passare un po' di tempo....la temperatura non è delle migliori: la casa non ha riscaldamento, ma c'è chi trova il
modo di scaldarsi ugualmente.... approfittando che il suo "babbino" si è coperto le gambe con un plaid, "LEI", che non si lascia mai prendere in braccio da nessuno, vi si accomoda sopra, con il suo niveo candore, a cercare il calduccio per schiacciare un bel pisolino....Ora siamo rientrati a casa ma Pallina non si smentisce: continua a cercare dolci tepori...a dispetto del freddo e dell'umidità che la giornata piovosa di oggi ci ha regalato!

lunedì 9 novembre 2009

CHANSON D'AUTOMNE


Les sanglots longs
Des violons
De l'automne
Blessent mon coeur
D'une langueur
Monotone.


Tout suffocant
Et blême, quand
Sonne l'heure,
Je me souviens
Des jours anciens
Et je pleure


Et je m'en vais
Au vent mauvais
Qui m'emporte
Deçà, delà,
Pareil à la
Feuille morte.

Paul VERLAINE
(1844-1896)

TRADUZIONE:
I singhiozzi lunghi
dei violini
dell'autunno

feriscono il mio cuore
di un languore
monotono.

Tutto ansimante
e pallido, quando
suona l'ora ,
ricordo
i giorni antichi
e piango;

e me ne vado
nel vento ostile
che mi trasporta
di qua, di là
simile alla foglia
morta.

venerdì 6 novembre 2009

IL GIORNALE DEI GATTI


I gatti hanno un giornale
con tutte le novità
e sull'ultima pagina

la "Piccola pubblicità".

"Cercasi casa comoda
con poltrone fuori moda:
non si accettano bambini
perché tirano la coda".

"Cerco vecchia signora
a scopo compagnia.
Precisare referenze

e conto in macelleria".

"Premiato cacciatore
cerca impiego in granaio".
"Vegetariano ,scapolo,
cerca ricco lattaio".

I gatti senza casa

la domenica dopopranzo
leggono questi avvisi
più belli di un romanzo:

per un'oretta o due
sognano ad occhi aperti,
poi vanno a prepararsi
per i loro concerti.


di Gianni RODARI



Beh, lei si sa... altro che giornale! lei legge libri..........





lunedì 2 novembre 2009

UN ARRIVEDERCI ,PER ALDA MERINI

Mi piace immaginare che sia tornata bambina e che , insieme al bambino della sua poesia, abbia trovato il suo aquilone e i giardini incantati del Cielo.

Bambino

Bambino, se trovi l'aquilone della tua fantasia
legalo con l'intelligenza del cuore.
Vedrai sorgere giardini incantati
e tua madre diventerà una pianta
che ti coprirà con le sue foglie.
Fa delle tue mani due bianche colombe
che portino la pace ovunque
e l'ordine delle cose.
Ma prima di imparare a scrivere
guardati nell'acqua del sentimento.

Alda Merini



mercoledì 21 ottobre 2009

IL BUONGIORNO





In verità mi chiedo, che abbiamo fatto
tu e io prima di amarci?
Non eravamo ancora cresciuti?
E suggevamo rustici piaceri come infanti?
O dormivamo profondamente
nell'antro dei sette dormienti?
Fu così. Tranne questo,
ogni altro piacere è fantasia.
Se mai bellezza vidi,
che desiderai, e che fu mia,
fu solo un mio sognarti.

E ora buongiorno alle nostre due anime
che si svegliano e si guardano
l'un l'altra, non per paura,
perché amore, amore d'altre viste esclude
e fa di una stanzetta un ogni dove.
Lasciamo ai naviganti i nuovi mondi.
Lasciamo ad altri anche le carte-
mondi su mondi hanno mostrato.
Teniamo un mondo solo noi che abbiamo
il nostro proprio mondo, e un mondo siamo.

Il mio volto nei tuoi occhi. Il tuo nei miei.
Cuori sinceri e aperti sui nostri volti.
Dove possiamo trovare due emisferi più perfetti,
senza tagliente nord, senza caduco occaso.
Ciò che muore non fu commisto in parti uguali;
se il tuo, il mio amore è uno,
o tu e io in amore siamo così uguali,
nessuno può morire, nessuno può mancare.


tratta dal libro "Poesie sacre e profane" di John Donne che mi è stato donato da una mia cara amica

giovedì 24 settembre 2009

VACANZA BREVE MA INTENSA

Siamo stati tutti bene: in pace totale per pochi giorni ma con tanta gioia nel cuore.

Pallina il primo giorno era un po' preoccupata perché in giardino c'era un'ospite poco gradita.... mai vista prima e...... ....a suo "dire" sta parlando con lei il suo "babbo"....questo proprio non va!

Per fortuna poi ci ha pensato Piccolorfanello a cacciarla via (poverina....).

Lui ormai si sente il padrone del territorio e altri gatti in giro non li vuole proprio; Pallina non lo vede mai quando ci viene intorno e ci chiede un po' di pappa e di coccole, ma se lo sapesse chissà quante ce ne direbbe!
Comunque le giornate sono state belle.
Mio marito si dava da fare in giardino: io ho riordinato casa e, per non perdere l'abitudine, ho cucito:
ho finito un beauty e mi sono
fatta una borsina a Patchwork.
Il beauty l'ho regalato ad
una mia cara amica
e la borsetta prima o poi, la userò!
Ogni giorno mi facevo una passeggiata in giardino per parlare un po' alle mie piantine.
Do il buongiorno al mio pomodoro: la particolarità di questa pianta è che, il mese scorso, mentre stavo lavando i piatti, dalle fessure trasversali del lavello ho intravisto una piccolissima puntina verde... riesco a tirarla fuori da lì e mi accorgo che è un germoglio; probabilmente, un semino di un ortaggio era rimasto nelle fessure ed aveva "lavorato"; ho messo quella piantina minuscola in un vaso ed è diventata una bella pianta di pomodori di quasi 90 cm!! ora sto aspettando che maturino i suoi frutti: è emozionante ..E poi trovo la nepitella, con i suoi fiori azzurrini ed il suo aroma particolare: le sue foglioline, sono ottime sui pomodori cotti al tegame...
La pianta grassa qui sotto è della famiglia delle Asclepiadaceae, si chiama Stapelia: il suo fiore a stella è molto particolare, bello anche se vogliamo, ma se portiamo il naso vicino vicino, il suo non si può certo definire un buon profumo!!

In genere, a metà ottobre iniziano a fiorire i crochi , quelli gialli che adoro, ma quest'anno hanno fiorito prima e anche gli altri bianchi con il fiorellino a stella


Proseguendo nel mio giro, trovo il papiro,

il gelsomino che butta fuori ancora qualche fiorellino qua e là...


...l'arbusto sempreverde con i suoi fiori arancio a pennacchio....

...l'ibisco bianco





....i gigli rosa che mi incantano con il loro profumo dolce e prorompente



e, in fondo al giardino, c'è il primo ciclamino della stagione che , timido , sporge la sua testolina tra le felci .
La notte gli unici fiori che si intravedono, nonostante l'oscurità , sono quelli dell'ibisco bianco: e, ogni sera li salutavo dalla terrazza..... sembravano stelle.........







martedì 22 settembre 2009

AUGURI SPECIALI

Nella mia antologia, non può mancare questa splendida poesia che mi ha dedicato Stella nel giorno del mio compleanno:


"Non ti auguro un dono qualsiasi,
ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
ti auguro tempo, per divertirti e per ridere;
se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.

Ti auguro tempo, per il tuo fare e il tuo pensare, non
solo per te stesso,ma anche per donarlo agli altri.

Ti auguro tempo, non per affrettarti a correre,
ma tempo per essere contento.

Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,
ti auguro tempo perché te ne resti:
tempo per stupirti e tempo per fidarti
e non soltanto per guardarlo sull'orologio.

Ti auguro tempo per toccare le stelle
e tempo per crescere, per maturare.

Ti auguro tempo per sperare nuovamente e per amare.
Non ha più senso rimandare.

Ti auguro tempo per trovare te stesso,
per vivere ogni tuo giorno , ogni tua ora come un dono.

Ti auguro tempo anche per perdonare.

Ti auguro di avere tempo,
tempo per la vita".

( Elli Michler )



ed io, con affetto, la dedico a tutti coloro che ancora sognano e amano e vivono la vita con passione!

mercoledì 12 agosto 2009

AMICIZIA " VIRTUALE"



A te che ti avvicini seguendo
l’equilibrismo dei miei pensieri
e raccogli le storie di oggi
e le delusioni di ieri,
che vivi in questo mio presente
tra speranze e delusioni,
sorridendo ed ascoltando il mio sentire,
potrei regalare le prospettive nuove.
Le speranze pronte a volare
senza nuvole grigie
ma con mille raggi di sole.
Vorrei stringere una mano
guardandoti negli occhi,
vorrei far vivere il mio mondo
e tutto il suo calore,
e di cose belle o brutte
ne avrei da dire
se tu fossi presente
e non sogno o illusione,
se tu fossi reale
e non personaggio
di un mondo troppo virtuale.
La fiducia mia non è cieca
ed anche se il desiderio
di un vero amico mai si acquieta,
ho imparato ora a capire
la differenza tra un sogno
e la realtà che vuole ingannare.
Tra i tanti personaggi
di questo mondo strano,
ho trovato te
che comprendi e leggi dentro al cuore
ogni sottile palpito e traduci in parole
anche quello che non saprei dire.
Uno specchio che immagine riflette
di ogni mio pensiero.
Fortuna è la mia
ed allora ti prego…
Non mi svegliare.
Amico proveniente dal mondo
detto dell’inganno,
io ne sono certa,
tu non ne fai parte
perché nel mio cuore
Vivi e sei sempre reale.

Poetyca

Questa poesia l'ho trovata nel blog di Stella e le ho chiesto se potevo metterla tra i miei fiori:
la trovo molto vera, per l'esperienza che io stessa sto vivendo da poco più di un anno. Ho potuto conoscere tante care e belle persone e le sento amiche, come io mi sento loro amica: in effetti non ritengo siano amicizie ingannevoli o illusorie:in questa così detta "finta realtà" forse si ha modo di conoscersi anche più profondamente che dal vero, perché si aprono i nostri cuori liberamente come quasi parlassimo a noi stessi e quindi siamo sinceri e spontanei.
E' molto significativa anche questa seconda poesia trovata tra le immagini di rete:


Si è verificato un errore nel gadget