GLI OSPITI DEL MIO GIARDINO

giovedì 13 ottobre 2011

IO TI CHIESI



Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo sguardo,
mi hai detto poi, con gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste.

Hermann Hesse da Poesie Romantiche
(Poesia dedicata a me da Elena che ringrazio infinitamente)

4 commenti:

  1. E'una poesia molto dolce e molto triste, io però t'immagino come una donna solare. Un pensiero a tuo giardino!
    Sara

    RispondiElimina
  2. Ciao cara Sara; le tue parole mi sono gradite... diciamo che fondamentalmente sono come mi immagini, ma talvolta c'è qualche nuvoletta contro il sole.Il mio giardino ... sta così così, un po' come me^__^ Bacioni

    RispondiElimina
  3. E' meglio voler bene o amare liberi da tutto. Solo così si cammina benissimo e si arriva lontanissimo, persino nell'infinito.
    Buona continuazione di giornata.

    RispondiElimina
  4. Altrettanto a te Cosimo.. buona serata!

    RispondiElimina

Buona giornata a chiunque entri nel mio giardino:spero senta il profumo dei miei fiori e tragga gioia dalle poesie che posterò, la stessa gioia che ne traggo io leggendole e scegliendole....a tutti il benvenuto e sempre.... un sorriso...

Si è verificato un errore nel gadget